fbpx

Mindfulness e cancro

La letteratura scientifica riporta notevoli benefici derivanti dalla partecipazione al protocollo del malato oncologico.
Nel campo della psico oncologia si è da sempre data importanza all’identificazione e alla riduzione delle reazioni psicologiche negative in seguito a una diagnosi di neoplasia. In riferimento all’ondata di sofferenza che colpisce il malato e la famiglia, tale visione è sicuramente comprensibile, visto che in seguito a una diagnosi di tumore si può essere portati a ridefinire le priorità della propria vita e a cercare uno scopo e un significato della diagnosi e della vita stessa.
Di recente, però, l’interesse si è spostato anche verso i potenziali benefici che seguono l’esperienza del tumore. L’esperienza di saggiare e ricercare “benefici” dalla diagnosi di tumore può portare a un cambiamento nella vita dell’individuo malato definita crescita post-traumatica (post-traumatic growth – PTG).
Alcuni autori (Garland, Carlson, Cook) forniscono nel loro studio elementi importanti circa l’utilizzo della mindfulness nell’ambito della crescita post-traumatica. In particolare i pazienti oncologici che praticano hanno mostrato un aumento significativo sia di Post Traumatic Growth sia di spiritualità, entrambe collegate alla diminuzione della rabbia e dello stress.
Trish Bartley, in particolare, in qualità sia di paziente che di insegnante di mindfulness, ha messo a punto un protocollo specifico rivolto ai pazienti oncologici.

Gli interventi basati sulla mindfulness rappresentano oggi una frontiera della cosiddetta “mind-body medicine”, la quale vede corpo e mente come un’unità che non necessita di rigide divisioni. Tale interazione, nel caso della malattia oncologica, si traduce nell’accettazione della realtà attraverso un processo di attenzione consapevole, elemento portante delle tecniche basate sulla mindfulness.
In campo oncologico, la pratica della mindfulness ha portato a una ulteriore possibilità: confrontarsi con il proprio io anche quando la vita pone l’individuo dinanzi ad eventi avversi che annebbiano e condizionano la sfera personale e sociale.

Finalità generale

La malattia oncologica rappresenta una patologia che, a causa della sua natura, lascia esiti importanti sulla qualità della vita di chi ne viene colpito.
Il percorso che proponiamo si inserisce nelle terapie di terza generazione e ha lo scopo di favorire il possibile adattamento della persona sia nelle varie fasi di malattia che dopo il periodo dedicato alle terapie.

Risultati attesi

  • Riduzione dello stress associato alla malattia
  • Riduzione dei sintomi ansiosi e depressivi
  • Riduzione dell’irritabilità
  • Migliore qualità del sonno
  • Un generale miglioramento della qualità della vita

Struttura del Protocollo Mindfulness per pazienti oncologici MBLC

Il programma consiste in 8 sessioni di gruppo, 1 alla settimana per 8 settimane, della durata di 2 ore ciascuna, più una giornata ‘intensiva’ (dalle 10.00 alle 16.00)
Il corso deriva dall’esperienza di insegnamento, valutazione e adattamento maturata da Trish Bartley con i pazienti oncologici; si basa altresì sulle recenti teorie della mente e, in particolare, sulla teoria della Compassione di Paul Gilbert.
Durante il corso si lavorerà:

  • Sulla gestione delle situazioni difficili e causa di sofferenza;
  • Sulla gestione delle emozioni e dei pensieri ricorrenti (rimuginio);
  • Sulla nostra modalità di rapportarci con il dolore e la sofferenza fisica;
  • Su come prenderci cura di noi stessi.

Si apprenderà ad entrare in contatto con le proprie esperienze interiori; ad accogliere le situazioni stressanti e dolorose; a coltivare gentilezza, compassione e apertura.

Destinatari

Il corso si rivolge a coloro che stanno affrontando o hanno affrontato una patologia oncologica e che desiderano ridurre lo stress associato ad essa.

Materiali necessari

Per partecipare sono sufficienti un abbigliamento comodo e una coperta; e l’intenzione di dedicare del tempo a se stessi.

Sede - Centro medico conCura

Gli incontri si terranno nel Centro medico conCura, Via Ascanio Sforza 75, Milano